Apocalisse 18, Abacuc 2 – La condanna di Babilonia. – mercoledì 3 febbraio 2021

mercoledì 3 febbraio 2021

Apocalisse 18, Abacuc 2 – La condanna di Babilonia.

 Apocalisse 18, Abacuc 2 – La condanna di Babilonia.

Ti vanti di essere ipocrita? Di cosa ti vanti, arrogante? Essendo un peccatore empio, sei gonfio: Abacuc 2: 4 Ecco, colui la cui anima non è retta è orgoglioso; ma i giusti vivranno per la loro fede. – Rubare agli altri per dare ai poveri, non è la carità che Dio cerca, la tua chiesa ha rubato e rubato, ingannando le persone con idoli e falsi dei a cui hanno dato i nomi dei giusti, quindi hai profittato per anni: dichiarando false guerre sante (perché i santi non sono idolatri), accusando falsamente di essere eretici coloro che non si sono uniti alle loro crociate, per confiscare il loro denaro e la loro terra, sono stati ladri, traditori, bugiardi e invasori, come lo era l’impero romano , perché la sua chiesa è l’eredità di quell’impero e la sua Bibbia è la falsificazione della parola del Creatore: tutti i loro soldi sono soldi rubati a diversi popoli attraverso truffe! : Abacuc 2: 8 Poiché hai saccheggiato molte nazioni, tutti gli altri popoli ti saccheggeranno, a causa del sangue degli uomini e dei furti del paese, delle città e di tutti coloro che li abitano. Abacuc 2:12 Guai a chi costruisce una città con il sangue ea chi ha fondato una città con l’iniquità! Imbrogliare le persone con silenziosi idoli di pietra e legno: Abacuc 2:18 A che serve la scultura che ha realizzato colui che l’ha realizzata? La statua fusa che insegna bugie, in modo che realizzando immagini mute il creatore possa fidarsi del suo lavoro? 19 Guai a chi dice al bastone: Svegliati; e alla pietra silenziosa: Alzati! Può insegnare? Ecco, è ricoperto d’oro e d’argento e non c’è spirito al suo interno. Anche le loro usanze sodomite furono profetizzate: Abacuc 2:15 Guai a chi dà da bere al suo vicino! Guai a te, che gli offendi il tuo fiele e lo ubriachi a guardare la sua nudità! 16 Sei stato pieno di disonore più che di onore; bevi anche te e sarai scoperto; il calice dalla destra del Signore verrà a te e vomiterà di vergogna sulla tua gloria. Credevano di potersi rifugiare per sempre nelle tecniche di inganno, nelle tecniche di manipolazione psicologica, nelle posture fisiche dell’oratoria, ma si sbagliavano, i loro idoli inutili non li libereranno dall’ira del Creatore, dalle loro masse di i seguaci non li salveranno dall’ira del Creatore, perché essendo la maggioranza non ha salvato Lot, essendo dalla maggioranza non ha salvato Noè, e sebbene Cristo fosse dalla minoranza, lui e la minoranza morirono per mano dei romani per non adorare quelle bestie oi loro idoli, con la fede di vivere di nuovo e questa volta di non morire ma di condannare per sempre i loro nemici idolatri.

https://ai20.me/2021/02/03/sacerdote-de-baal-sacerdote-de-babilonia-de-te-jactas-hipocrita-de-que-te-enorgulleces-arrogante/

«Importanza degli idoli Nella religione babilonese, il seguire i rituali e l’adorazione delle statue delle divinità era considerato sacro, poiché gli dei vivevano simultaneamente nelle loro statue nei templi e nelle forze naturali che incarnavano. Un’elaborata cerimonia di lavaggio della bocca delle statue apparve durante l’antico periodo babilonese. Il saccheggio o la distruzione di idoli era considerato un ritiro del mecenatismo divino. https://es.wikipedia.org/wiki/Religi%C3%B3n_babil%C3%B3nica »

Atti 19:25 Riuniti questi e gli altri che esercitavano il medesimo mestiere, disse: «Uomini, voi sapete che da que lavoro viene la nostra prosperità; 26 e voi vedete e udite che questo Paolo ha persuaso e sviato molta gente non solo ad Efeso, ma in quasi tutta l’Asia, dicendo che quelli costruiti con le mani, no sono dèi. 27 Non solo ho visto il pericolo che questo bouquet della nostra arte sia screditato, ma con il tempio della grande de Diana non conti più, e che sia perfino privata della sua maestà colei che tutta l’Asia e il mondo adorano ». 28 Essi, udite que se sew, accesi di sdegno, si misero a gridare: «Grande è la Diana degli Efesini!» Apocalisse 20: 4 Poi vidi dei troni. A quelli che vi si misero seduti fu dato di giudicare. E vidi le anime di quelli che erano stati decapitati per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio, e di quelli che non avevano adorato la bestia né la sua immagine e non avevano ricevuto il suo marchio sulla fronte e sulla mano. Essi tornarono in vita e regnarono con Cristo … https://ai20.me/2021/01/11/interpretazione-qual-e-la-differenza-tra-luomo-naturale-e-luomo-spirituale-1-corinzi-214-la-differenza-tra-luomo-animale-e-luomo-spirituale/